Gentili Marco Weblog

Just another WordPress.com weblog

15/03/2009 – Milano – II Assemblea Nazionale Giovani del PD – Discorso & Mozione sulle cellule staminali embrionali –

Elezione Segretario 21 febbraio 2009Elezione Segretario 21 febbraio 2009 

Metto qui di seguito l’ intervento e la mozione che avrei voltuo sostenere alla II Assemblea Nazionale Giovani del PD, ma che per orari di rientro non ho potuto intraprendere.

— Discorso —

“Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza”.

Voglio cominciare il mio intervento così, citando l’art. 1 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo. Dopo sessanta anni, infatti, quelle parole sono ancora un sogno utopico e irrealizzabile, anche perché gli attacchi più diretti al documento vengono proprio da quegli uomini che dovrebbero garantirne l’attuazione. Ho voluto citare la Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo proprio oggi, che ci troviamo ad adottare una votazione per il Manifesto fondativo dei Giovani Democratici.

Quale senso dare oggi in uno stato democratico alla parola laicità, soprattutto nella sua applicazione al campo dell’etica? Ognuno può liberamente esprimere la propria posizione, l’importante è non mettere in gioco solo il proprio tornaconto personale: essenziale, infatti, è rispettare il principio della libertà di scelta.

La ricerca scientifica è sicuramente un valore di cui la società deve tenere conto: racchiude il desiderio della coppia che vuole avere un figlio sano, ma anche la necessità di curare il proprio corpo.

Continuo il discorso rispondendo a una frase di un intervento effettuato a Roma durante la prima Assemblea Nazionale, in cui il collega, che spero oggi sia qui, ma, di cui non ricordo il nome, rispondendo a Giulia Innocenzi, affermava come non si possa mettere a tacere lo stato Pontificio, perché esso fa volontariato e da, parole sue, le coperte ai barboni.

Caro collega Democratico, il volontariato, bella parola vero? Sai che tu, io e tutti gli altri, paghiamo l’ otto per mille? Ogni anno, l’ otto per mille che lo stato raccoglie con le imposte sul reddito dei contribuenti viene ripartito tra lo Stato stesso e sei confessioni religiose: i cattolici, i valdesi, gli ebrei, i luterani, gli avventisti e le assemblee di Dio.

La divisione di questo denaro avviene secondo la percentuale raccolta al momento della dichiarazione dei redditi, ciò significa che se non firmi, sarai comunque tassato, e l’ otto per mille delle tue imposte sarà comunque retribuito in base alle scelte degli altri contribuenti.

Molta della popolazione Italiana, come saprai, non destina il proprio gettito. Solo un Italiano su tre, infatti, effettua una scelta. Il risultato, con solo il 35% delle scelte effettivamente espresse, è che l’ 87% dei fondi finisce nelle mani della Chiesa Cattolica. All’incirca un miliardo di €. Ogni anno la Chiesa Cattolica Italiana diffonde, sulle nostre reti pubbliche, spot girati in luoghi poverissimi, ma solo 80 milioni di quei finanziamenti che noi tutti paghiamo, l’ 8% delle somme raccolte, sono inviati al terzo mondo, mentre ben 130 milioni sono spesi per costruire nuove chiese.

Questo meccanismo dell’ otto per mille mi sa ben poco di Democratico. Lo Stato infatti non ammette alla ripartizione altre confessione religiose: Buddismo, Islam ecc. e soprattutto non informa i cittadini.

Ecco il volontariato, ecco le Iene che mostrano la truffa dell’ Orp e il lavoro in nero per il Vaticano, riguardante il servizio di trasporto turistico “Roma Cristiana”, gestito dalla Trambus Open unitamente all’Opera Romana Pellegrinaggi. Ecco che quel volontariato potrebbe essere benissimo sovvenzionato dallo Stato e tranquillamente incrementato. Detto ciò continuo dicendo che: Stato e Chiesa presentano caratteristiche, competenze e prerogative del tutto inconciliabili le une con le altre.

Il filosofo Locke nella sua “Lettera sulla tolleranza” sostiene a tale proposito: “i confini, da entrambe le parti, sono fissi e immutabili”, “confonde cielo e terra” chi mescola “questi due organismi, che sono per origine, per fini e per ogni rispetto assolutamente distinti”.

Concludo con una citazione di Woody Allen “Non c’è niente di male nella scienza… Fra il Papa e l’aria condizionata io scelgo l’aria condizionata”.

Nel ricordare a tutti i presenti che la nostra Costituzione asserisce che “l’ Italia è uno Stato laico” e non impedisce a nessuno di avere e seguire la religione che egli vuole, io insieme agli studenti Luca Coscioni mi batto in prima linea in nome della laicità, come nel caso del testamento biologico, della libertà sessuale e per l’autodeterminazione di ognuno.

Mi batto contro la disinformazione dei media e contro la mancata informazione di ogni genere che toglie ai nostri concittadini la consapevolezza dei problemi che li riguardano.

Ritengo inoltre necessario che nel Manifesto fondativo dei Giovani Democratici la Laicità debba essere al centro di tutto. Ora più che mai appare necessaria una politica razionale, laica, e democratica. Perché, come ha scritto recentemente Stefano Rodotà, “la democrazia si nutre di opinioni non solo diverse, ma anche sgradevoli, dei quali si può ben discutere il merito, ma di cui non si può negare la legittimità”.

La costituzione di un Partito Democratico Giovanile, potrà favorire l’evoluzione di un atteggiamento più laico da parte di tutti i suoi membri, che appartenendo alla stessa formazione politica dovranno necessariamente misurarsi con le loro differenze, trovando il modo di confrontarsi. Il Partito Democratico è la grande occasione, per gli ex democristiani come per gli ex comunisti, di ripensare finalmente la loro funzione politica guardando in avanti anziché indietro, alla storia del ventunesimo secolo anziché a quella del Novecento.

Grazie Marco Gentili.

— Fine —

— Segue la Mozione —

II ASSEMBLEA DEI GIOVANI DEMOCRATICI
15/03/2009 – Milano

Mozione sulle cellule staminali embrionali.

Premesso che,

– il Governo Berlusconi; con il nuovo bando relativo alla ricerca sulle cellule staminali predisposto dal governo e in discussione alla Conferenza Stato – Regioni, conterrebbe l’esplicita esclusione di progetti che studino cellule staminali embrionali umane;

– tale provvedimento è proibizionista, volto a colpire la dignità delle persone, oggi affette da tutte le patologie genetiche (e non) invalidanti aggravando le condizione dei malati;

– in U.S.A. in data 09/03/09, sono stati ripristinati i fondi per la sperimentazione sulle cellule staminali embrionali, grazie al nuovo presidente Barack Obama;

– l’aggravio in senso proibizionista delle politiche sulla Ricerca Scientifica Italiana rende questo fenomeno sempre più in contrasto con l’orientamento di tutti i paesi leader nella ricerca scientifica, producendo imposizioni sul corpo altrui e rendendo questo paese retrogrado, aggravando la condizione delle persone handicappate;

– esiste la quasi totale mancanza di fondi destinati alla Ricerca;

– per far fronte a tutto ciò, lo scorso 5-7 marzo 2009 a Bruxelles, si è tenuto il Secondo incontro del Congresso Mondiale per la libertà di ricerca scientifica;

Impegna i Giovani Democratici:
– a presentare proposte e disegni di legge che sostengano, come obiettivo prioritario la Ricerca Scientifica;

– a promuovere come Giovani Democratici una manifestazione nazionale che possa dimostrare la nostra piena contrarietà alle attuazioni del Governo Berlusconi, in ambito di Ricerca Scientifica e la nostra volontà di perseguire anche nel nostro Paese metodi di Ricerca. Attraverso l’ uso delle cellule staminali embrionali volte a curare le centinaia di malattie oggi incurabili.

Primo firmatario: Marco Gentili

— Fine —

Commentando la giornata di ieri, non posso non iniziare facendo i miei complimenti al discorso di Franceschini e concludere con l’ incartamento della Presidenza avvenuta durante la votazione del regolamento, “richiesta di Democrazia”, presentata da Giulia Innocenzi e Salvatore Bruno.

Alla segreteria da Giovane Democratico se permettete, penso che ci dovrebbe essere gente che sa come si svolgono certe cose… o perlomeno, la gente, dovrebbe informarsi, prima, un “po’ di tutto”, per essere una vera persona “d’ organo”. Bastava aver visto, da Giovani Democratici tesserati PD, l’ ultima votazione di Partito, in cui è stato eletto il nostro Segretario Franceschini, gestita e tenuta da Anna Finocchiaro a Roma il 21 febbraio 2009, per sapere che quando si vota ci sono anche le astensioni.

Sarei felice comunque se ognuno di voi, dal primo all’ ultimo taggato, esprimesse un proprio giudizio personale, anche contrario, sul mio intervento e sulla mozione. Siamo quì pronti a scambiarci idee!

Sperando di vederci – con tutti, nessuno escluso – alla prossima Assemblea dei Giovani Democratici vi saluto.

Con affetto, Marco Gentili.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: