Gentili Marco Weblog

Just another WordPress.com weblog

Archivi per il mese di “agosto, 2010”

Quando il Premio sbarca a Tarquinia

[Clicca sopra l’immagine per leggere]

[Clicca sopra l’immagine per leggere]

 

Annunci

19/08/10 ~ Il merito deve essere sempre premiato! ~

Benvenuti a tutti voi,

sono felice ed onorato di trovarmi qui con voi in questa particolare occasione che, spero, si ripeterà per gli anni venturi. La decisione di premiare il merito e valorizzare la cultura da me proposta ed appoggiata dal Consiglio Comunale dei Giovani, approvata poi dal Sindaco Mauro Mazzola e dall’assessore alla Pubblica Istruzione Sandro Celli conferma  la mia profonda convinzione che, senza il riconoscimento del merito, una società è condannata alla mediocrità. A mio avviso, infatti, la forza di uno Stato moderno si colloca nel merito, nel talento, nell’ingegno e nell’impegno.

Mi entusiasma il fatto che molti fra i maturandi tarquiniesi si siano dimostrati interessati a questa iniziativa, lanciata unanimemente come segno di tangibile apprezzamento da parte del Comune di Tarquinia per i suoi giovani e meritevoli cittadini. Questo di per sé, conferisce già una certa solennità e prestigio a questo evento che onora il valore dello studio.

Ciò che intendevo ed intendiamo trasmettere e diffondere tramite questa premiazione è l’irremovibile convinzione che il futuro è delle idee, soprattutto quelle dei giovani e che presto il merito conterà molto di più di una raccomandazione, dando la possibilità a coloro che si distinguono di emergere ulteriormente in una società che finalmente apprezza e lusinga la loro preparazione e competenza sempre più specifica. Ci dobbiamo impegnare a far sì che quando questi ragazzi modello arrivano sul mercato del lavoro, possano trovarsi in un’Italia diversa, sostenuti ed incoraggiati da un Paese che non si tira indietro di fronte alle proprie responsabilità e disposto ad offrire a chi lo merita e a coloro che hanno la voglia di incentivare e contribuire al sapere umano le migliori possibilità per esplicare al meglio le loro potenzialità in una società fondata veramente sulla meritocrazia.

Non dobbiamo avere remore nel sostenere il merito anche e soprattutto nel campo della cultura. Produrre idee, scoprire qualcosa e comunicare altrui idee e scoperte, ha lo stesso valore del produrre beni materiali. Dobbiamo davvero rinunciare ad aver parte alla nobile gara internazionale della creazione delle idee nuove?. No, non dobbiamo rinunciare a questo continuo stimolo reciproco nel mondo della cultura che non sopporta frontiere e, al tempo stesso, si nutre soprattutto delle tradizioni e delle passioni dei singoli popoli.

Oggi, la consegna del diploma di merito insieme al contributo economico di 500,00 euro simboleggia e vuole dare la prova che le remunerazioni economiche, seppure importanti, devono sì servire per gli studenti come ulteriore sprone ad impegnarsi a dare il meglio di sé, ma devono anche essere messe a disposizione di una cultura sempre in evoluzione ed aggiornamento.

Concludo condividendo con voi un mio pensiero ed una mia profonda convinzione sul fatto che  la creazione artistica di un Poeta, di un Pittore, di un Musicista, così come la scoperta di uno Scienziato rappresentano sempre e comunque un successo per l’intera Nazione, oltre a dare prestigio ed onore alla cittadina dalla quale provengono.

Ringraziandovi ancora per la vostra cortese presenza e per avermi dato la possibilità di esprimere liberamente il mio pensiero, che comprende anche quello dell’intero Consiglio Comunale dei Giovani e del Comune di Tarquinia, vi esorto vivamente a prendervi il futuro perché, come risaputo, chi fa la storia non ha tempo di scriverla. Quindi spero di riuscire a trasmettere a tutti gli studenti la forza di affrontare il mondo universitario con fermezza, impegno e convinzione per poi affacciarsi con coraggio e tenacia in un mondo del lavoro accogliente e ricco di motivazioni che vi conduca alle mete che indistintamente vi siete prefissati.

Marco Gentili.

Avanti il merito!

[Clicca sopra l’immagine per leggere]

Tagli per gli Ospedali.. seguiranno a ruota anche i Consultori?

[Clicca sopra l’immagine per leggere]

[Clicca sopra l’immagine per leggere]

Malgrado la buona fede, tale istanza non la posso approvare anche perché, dalle parti di via della Pisana gira una proposta di Legge Regionale n. 21, del 26 maggio, di Olimpia Tarzia che è in contrasto con tale piano attuativo. Quest’ultimo è un tentativo per oscurare   definitivamente i Consultori Familiari Regionali. Una legge da Stato purtroppo etico e non laico, a Regione etica riproposta, dopo il 2003, dalla stessa persona e considerata come inno alla vita che  modifica radicalmente il funzionamento attuale dei Consultori Familiari. Il progetto di legge è già stato depositato e porta in calce le firme di uno stuolo di consiglieri uomini e di due o tre donne. Tra i firmatari anche quattro esponenti del PD, a cui le colleghe di partito hanno già chiesto il ritiro. La Consulta dei Consultori, dopo l’Assemblea di giovedì 8 luglio, ha deciso di  aprire un confronto in “rete”  con altri soggetti istituzionali per  contrastare  tale iniziativa. Sono davvero critico in particolare per la definizione data sul “modo asettico” in cui attualmente si fornirebbero le prestazioni nei consultori, sulle modalità di intendere l’associazionismo, sul percorso proposto per l’IVG, sulla nascita di un comitato di bioetica che temo possa diventare un organismo di controllo  e di censura sul lavoro degli operatori comunali delle politiche sociali e alla persona, la famiglia viene considerata come oggetto di sfruttamento economico. Olimpia Tarzia, cattolica pluridecorata e con trascorsi di cantautrice per le Edizioni Paoline, deve avere il pallino dei consultori, se già nel 2003 se ne era interessata, suscitando anche allora aspre polemiche.

Navigazione articolo