Gentili Marco Weblog

Just another WordPress.com weblog

Archivi per il mese di “marzo, 2011”

Una poesia: Un giorno di scelta!

Inizio discussione sul Testamento Biologico in aula Montecitorio ore 11.oo di lunedì 7 marzo 2001

[SEGUI ANCHE TU LA DIRETTA ALLA CAMERA DEI DEPUTATI]

Caro Deputato,
che legiferi per tutti senza il mio mandato,
che voterai oggi sul Testamento Biologico,
senza parere giuridico,
senza un filo logico.

Caro Deputato,
rispetta ed osserva la costituzione,
pietra miliare della nostra Nazione.
Scritta con validi princìpi morali ed inappellabile ostinazione.

Caro Deputato,
anche io voglio il diritto al bipartitismo,
anche io ho facoltà di scegliere,
perché non soffro d’amorfismo.

Le mie scelte sono individuali,
le mie scelte, a differenza delle tue, sono personali.

Caro Deputato,
schiavo di pensiero e di comando,
schiavo di partito e di peccato,
la vita che abitiamo insieme,
ha scelte proprie ed insindacabili,
specie se scritte di proprio pugno da un malato.

Le mie scelte sono individuali,
le mie scelte, a differenza delle tue, sono personali.

Caro Deputato,
lasciamoci libertà di non essere tutti uguali,
perché tu lo chiedi e politicamente lo sei costantemente,
rispetta il mio parere,
con il corpo e con la mente.

Caro Deputato,
io non sono come te
e non desidero esserlo,
io ho le mie idee e tu, ribadisco, quelle di qualcun altro.

Caro Deputato,
alimentazione e idratazione forzate,
sono le ragioni delle abdicate,
non possono essermi imposte né da divinità terrestri,
né tantomeno per legge da te.
Perché mi calpesti.

Caro Deputato,
che non sai nulla del mio vivere, soffrire ed essere allegro,
non potendo chiederti libertà come il popolo libico,
difenderà (forse) le mie volontà e la mia dignità,
in aula di tribunale qualcuno per me.

Difenderà (sempre forse) le mie volontà e la mia dignità,
in aula di tribunale qualcuno al mio posto.

Caro Deputato,
ripensaci e non consentire, a tutti noi, questa legge non democratica,
ma liberticida.
Grazie.

M.G.

Annunci

Navigazione articolo